#365Yoga Giorni 169: Ricetta per la Moderazione da parte di Leeann Carey

Come qualcuno che insegna insegnanti di yoga, mi sono sempre chiesto come tenere il passo con la mia pratica asana. Io di solito rispondo sempre allo stesso modo, “con moderazione e interesse”. Mi rendo conto che potrebbe non essere il tipo di risposta che speravano di sentire. Spesso volte il suo seguito altre domande del tipo: “Ma che pone pratichi?”, “A che ora del giorno pensi che è meglio fare pratica?”, o “Per quanto tempo pratichi?” Allora mi spiego dicendo: “ho moderato la mia pratica di cosa, come e quando in base a ciò che ho lasciato nella mia giornata.”

La verità è, ho provato diversi metodi di pratica. Per anni ho praticato asana sul mio tappetino, allo stesso tempo, ogni giorno e in seguito la stessa routine ogni volta. Poi ho seguito una pratica in modo specifico per ogni stagione basata su una ricetta Ayurvedica. Dopo che mi sono annoiato, ho praticato le posizioni in piedi la prima settimana, la schiena si piega la seconda settimana, seduto pone la terza settimana e le inversioni l’ultima settimana di ogni mese. E ‘ stato divertente provare diversi metodi per mantenere la mia pratica corrente; tuttavia, in ultima analisi, credo che l’integrazione e la messa a fuoco della mia pratica è emerso quando ho riconosciuto i sentimenti di ciò che mi tiene tutto e supporta tutto il resto che può essere legato a quel giorno.

Ecco una domanda che mi pongo ogni giorno: che Cosa è la saggezza di questa giornata cercando di insegnare a me? Se so che sto andando ad avere una giornata piena, ho tempo di programma sul mio tappetino per una corroborante sessione. Se sono stressati su una scrittura di scadenza, la metto in pratica supportata piega in avanti e le inversioni di tutti i tipi di calmare il mio sistema nervoso e chiaro la mia mente. Se io sono distratto, ho messo da parte il tempo per il pranayama. Sapendo che ho una casella di strumento di interessante pose, la respirazione e le tecniche di meditazione che si possono scegliere per portare più equilibrio alla mia giornata, e in alcuni casi guarire un posto particolare in me, mi aiuta a tenermi in corso.

Se si sa che si sente bene quando si pratica Rivolta verso il Basso Cane, quindi fotografare quando non ti senti così bene. Se si sa che andare a testa allontana la testa, poi fotografare quando sei privo di chiarezza. Se sai che il Guerriero II consente di sfruttare la vostra forza interiore e coraggio, poi colpire la posa in cui si sentono paura e piccoli. Può essere una posa o di molti. In genere, una posa che cambia il vostro ambiente interno, si risveglia la tua coscienza o calma stanca mente, con la volontà di generare un’altra posa, e altro.

Con l’intenzione di crescere e di riconciliare le differenze nel mio corpo e nella mente, lo yoga è sempre interessante. E la moderazione con tutte le cose che mi aiuta a gestire la mia vita e la pratica dello yoga, sia con un approccio olistico e in modo sensato.

Leeann Carey
www.leeanncareyyoga.com