Il Buono, il Brutto e Il Cattivo: la Formazione Per la Meditazione

Da Jillian Pransky

Cerchiamo di essere dritto, a volte la nostra vita, le circostanze semplicemente schifo.

Questo è spesso il cuore degli insegnamenti che ho ricevuto dai maestri studio con. Che cosa ho imparato da loro, quello che so anche essere vero, dalla mia pratica e di esperienza di vita, è che mentre la mia situazione fa schifo, non devo. Come ho risposto è fino a me.

In generale, l’essere umano, possiamo sviluppare un finemente sintonizzato reazione istintiva notevolmente situazioni difficili, e prima ancora di rendersene conto, ci sono travolti da un’ondata di emozioni e pensieri. (O congelato da loro.) E come continuare ad impegnarsi in un dialogo interno con le nostre reazioni, abbiamo involontariamente allungare la durata di disagio, mentre, contemporaneamente, la nostalgia per esso alla fine. Quando non siamo consapevoli, la nostra reazione ad un singolo impegnativo momento può espandersi in un’ora, un giorno, una stagione…e per alcuni, anche per tutta la vita.

Così, che cosa dobbiamo fare noi con la più tumultuosa reazioni emotive abbiamo esperienza? Abbiamo semplicemente regolare sopra e dire, “Oh, va bene. Mi limiterò a scegliere di essere felice, invece.” Che cosa significa “scegliere " la nostra reazione”? “scegliere la felicità”?

No, non a tutti. Se noi basta ignorare o coprire la nostra rabbia, la tristezza, o la disperazione per “scegliere la felicità” abbiamo semplicemente creare un interno bomba a tempo, che finirà per esplodere.

Quando si tratta di sperimentare più pesante emozioni, non vogliamo spingere via, né vogliamo tenere stretto. Invece—quello che ho imparato dai miei insegnanti, e la mia pratica, quando la mia situazione e ‘ terribile, quando mi sento infelice, stronza, o congelati—la cosa da fare è mettere in pausa e non si “nutrono” il sentimento o spegnerlo. La pratica è di lasciar andare il “dialogo” con i miei sentimenti e le mie opinioni sui miei sentimenti; e la pausa per rilassare il mio corpo, respiro e mente per quanto mi è possibile in quel momento. In questa pausa, posso smettere di accelerare la situazione con ulteriori reazioni, e inizia a fare più spazio per respirare e vedere la situazione in modo più chiaro.

In breve, se noi non esasperare o soffocare la nostra esperienza, cominciamo a testimoniare l’intensità della situazione organicamente cambiare. Perché la verità è che—come tutti noi crescere il know—“Se sei in una brutta situazione, non preoccuparti, non cambia. Se sei in una buona situazione, non preoccuparti, non cambierà.”

Questa è una verità che tutti noi abbiamo vissuto; ogni aumento di difficoltà alla fine diventa un passaggio difficoltà. E tra le difficoltà, abbiamo l’esperienza di una serie di altre qualità di beatitudine per la noia. Come la vita infinitamente oscilla tra la facilità e difficoltà, ricordate Pema Chödrön l’insegnamento di: “pensiamo che il punto è quello di superare il test o per superare il problema, ma la verità è che le cose in realtà non vengono risolti. Essi si incontrano e che cade a pezzi.”

Tutte le tradizioni di saggezza di lavoro con questa abilità in meditazione. Per molti maestri, la meditazione è il campo di allenamento per cavalcare le onde della vita e la pratica di rilassante, come tutto ciò che sale e scende. Come ci rilassiamo con la nostra situazione, noi espandere la nostra capacità di rendere più consapevoli le decisioni e abile azioni con tutto ciò che la vita propone.

Molte persone pensano che la pratica della meditazione è di circa perfezionare le capacità di concentrazione o di svuotamento loro mente di pensieri. Per me, una delle funzioni principali di meditazione è l’opportunità di sviluppare la capacità di mettere in pausa e di relax, con la compassione e la presenza qualunque sia la nostra esperienza è, con tutti i nostri pensieri sono. Dopo tutto, se la meditazione è per prepararci a vivere una vita migliore fuori il cuscino, quindi è necessario che ci allena a stare nel presente e rilassata, con tutte le circostanze che ci troviamo di fronte. Siamo in grado di praticare questo diritto, nella nostra meditazione; per come si pratica reagire a ciò che nasce nella nostra mente e del corpo durante la meditazione è il nostro campo di allenamento per come abbiamo reagito a tutto ciò che nasce nella nostra vita fuori dal tappeto.

I pensieri e le emozioni non sono il nemico di una pratica di meditazione. In realtà, essi sono i nostri amici. La pratica inizia effettivamente quando si diventa consapevoli del fatto che hai scattato, e invece di serraggio, a giudicare, rimproverare, si può ammorbidire? Si può praticare invitante voi stessi indietro? Questa è l’abilità che stiamo sviluppando, per essere in grado di essere buoni e di tornare più e più volte. Quando vediamo i nostri pensieri, siamo in grado di praticare rilassante il nostro giudizio verso il nostro pensiero di tornare al momento presente, il nostro respiro. In questo modo, stiamo imparando come creare spazio e alleggerire, invece di diventare più intenso, più arrabbiato e scontento. Questo atto ci aiuta a coltivare la curiosità e l’amicizia di cui abbiamo bisogno per compassionevole, chiara visione e di un più profondo senso di appagamento.

PROVA: PRATICA ORA

Impostare un timer per 5-10 minuti.
Sedersi in una posizione comoda.
Lasciate che il vostro corpo peso drop out delle spalle, e giù nel vostro bacino e gambe.
Lasciate che il vostro peso scarico in basso, sul pavimento.
Consentire il respiro, per stabilirsi.
Benvenuto il tuo respiro nel tuo corpo.
Lasciate che la vostra mente seguire le onde del tuo respiro dentro e fuori del vostro corpo.
Rilassare il corpo a terra, e la vostra mente sulle onde del tuo respiro.

Come i vostri pensieri ascesa e la caduta, semplicemente notare. Non dialogano con i vostri pensieri o tenta di spingere via. Come si nota si sta allontanando con un pensiero, prendere un respiro profondo. Lasciate andare e tornare la vostra mente per il vostro respiro. Quando si hanno difficoltà a lasciarsi andare, prendere un profondo respiro, il rilassamento del corpo e della mente, per quanto possibile. Cadere le spalle, rilasciare la mandibola, e una scansione del tuo corpo per qualsiasi tensione extra.

Probabilmente avrete bisogno di fare questo ogni paio di respiri, anche più volte in un minuto.

Ma questo è il cuore della pratica.

La pratica non è cercare di tenere la mente ancora, è invece notare quando la tua mente sta vagando nel pensiero, la fantasia, o di un dialogo. Giudicare, criticare, di pianificazione. Avviso quando la tua mente è raggiunto. E rilassarsi.

Essere amichevole verso di voi, verso le vostre abitudini. E invitare te stesso di nuovo al vostro respiro. Più e più volte.

© Foto iStockPhoto.com/mmac72