Una Lettera Aperta a Kathryn Budig su Privilegi, il Potere e la Creazione di Cambiamento Sociale

Gentile Signora Budig,

Sto scrivendo in risposta ad un tuo recente post sul blog, il Colore del Mondo, in cui si condivide il “velenoso” rifiuto di lei, il volto di corpo positività e chiamare un atto di bullismo. Mentre io, né lo Yoga per il Corpo e l’Immagine della Coalizione che ho co-fondato, che ha scritto il post si fa riferimento, è stato condiviso da YBIC leader, Elen Bahr, sul suo “Yoga per Tutti” Facebook pagina, e a causa delle forti parole che hai usato in un pubblico post di blog per le centinaia di migliaia di fan e lettori, mi sento in dovere di rispondere pubblicamente – non solo per rispondere a specifici punti con te personalmente, ma a rivolgersi a loro con il pubblico in generale e, si spera, aiutare ad educare le persone su alcuni punti chiave, e contribuire ad aumentare la coscienza e di elevare la conversazione.

Lo Yoga per il Corpo e l’Immagine della Coalizione è un movimento di base dedicato alla comunità, la collaborazione e la creazione di un cambiamento di paradigma in yoga cultura. Riconosciamo che #loveyourbody è più di un hashtag, slogan di marketing o materie prime). Crediamo che sia completamente dimensionale mantra e vi invitiamo ad unirvi a noi, scavare in profondità e di elevare la conversazione. Ci vuole una comunità consapevole di fare questo lavoro e ci piacerebbe offrire il seguente:

Io felicemente inviare una copia di Yoga e di Immagine del Corpo in modo da poter leggere le diverse storie in esso contenute, tra cui Seane di Mais, Bryan Kest, Rolf Porte, Vytas Baskauskas, Alanis Morrisette, Marianne Elliott, Chelsea Jackson, Dianne Bondy e innumerevoli altri. Esplorare questi temi e di impegnarsi in un dialogo con Elen Bahr e Dianne Bondy come parte del nostro costante serie di podcast. Unisciti a noi per una discussione di Yoga e di Immagine del Corpo partner e leader, Lauren Eckstrom, Thalia Gonzalez e io stiamo organizzando intorno a queste tematiche nell’ambito di Conversazioni con i Moderni Yogi Serie in collaborazione con la regione Piemonte Yoga. Condividere la complessità della propria storia nella seconda installazione di Yoga e di Immagine del Corpo che è in ora. Si hanno il potenziale per raggiungere un vasto pubblico, quindi, di ispirazione e di diffondere il messaggio in lungo e in largo.

Prima di continuare, voglio dire che io scrivo con sincera bontà e compassione, e un genuino interesse per la creazione di un dialogo, di approfondimento di un senso di comunità e di promuovere la riconciliazione e la comprensione. Scrivo a voi come un eterosessuale bianco donna all’altra. Sto scrivendo a te, come la Sociologia e gli Studi sulle Donne professore che è interessato a rafforzare la nostra sorellanza e di elevare l’un l’altro per il nostro più alto potenziale. Devo anche sottolineare che un accademico, e da lungo tempo attivista (faccio questo lavoro da 20 anni), di vedere le cose strutturalmente e sistematicamente. Come tali, sono interessato in esame (e smantellamento di sistemi di oppressione.

Con questo, spero che tu possa leggere le mie parole con una mente aperta e il cuore (e, si spera, potrai leggere e controllare l’elenco delle risorse miei compagni di leader nel YBIC hanno messo insieme per voi e per tutti quelli che leggono). Io voglio che tu sapere che la maggior parte dei problemi che io (e molti altri) hanno principalmente con lo yoga complesso industriale così come i media, la definizione di yoga e la sua perpetuazione dello “yoga per il corpo” stereotipo. E l’industria e il modello che trae enormi profitti, mentre statisticamente abbassamento di autostima, aumento corpo insoddisfazione e, anche, la depressione. La critica non si concentrano esclusivamente su di voi. Infatti, da quello che ho visto nel corso degli anni, sembri veramente bella, coraggiosa, gentile e simpatico individuo (con tonnellate di stile e sass per l’avvio!).

Mentre mi rendo conto di aver preso personali offesa per Elen tweet — “Dire di NO a @kathrynbudig come la faccia di #BodyPositive #Yoga. Dove sono i corpi di grandi dimensioni? Le persone di colore? http://ow.ly/LGMe8 #MediaMadness” — non vorrei classificare come un atto di bullismo o l’umiliazione (e non vedo come velenosi). In effetti, non è su di te come persona ma come un simbolo, un simbolo che è stato ampiamente moltiplicate nel corso degli anni. Fa parte della tendenza dominante dei media (yoga media e mass media in generale) per mostrare ed evidenziare omogenea immagini che non si possono in nessun modo o forma riflettere l’intero spettro della diversità umana nella cultura. Si chiama “simbolico annientamento.” In breve, il suo post è un atto di resistenza, qualcosa che i membri dei gruppi emarginati hanno tutto il diritto di fare nella lotta opprimente sistemi (e qualcosa che è molto, molto più grande di lei come una donna o un simbolo).

Come Elen stessa scrive in risposta, “la Mia affermazione aveva tutto a che fare con i media, il ritratto di yoga e molto poco a che fare con la Signora Budig di se stessa”. E continua affermando “Perché, in realtà, lo yoga comunità non potrebbe avere bisogno di un minor numero di Kathryn Budigs. Lo yoga comunità ha assolutamente bisogno di più di tutto il resto di noi.”

Spero che si può vedere che non stiamo dicendo che non sono di talento o di ispirazione o che non si dovrebbe essere sulle copertine delle riviste o di avere successo. Significa solo che ci sono anche un sacco di altre talento e l’ispirazione delle persone là fuori a fare un buon lavoro, che vivono ai margini, i cui contributi e doni non sono riconosciuti o celebrati, perché non compatibile con il desiderabile e vendibile media convenzioni che determinano chi è visto e sentito e che non è.

E non stiamo dicendo le vostre esperienze con il corpo, l’umiliazione e il generale di corpo insicurezze non sono valide o degni del corpo positivo conversazione. Infatti, ho applaudito per essere candid e vulnerabile in un post che ho scritto nel 2012, “ho apprezzato Kathryn Budig s candid osservazioni riguardo al proprio corpo, problemi di immagine in una recente intervista. L’intervista non ha incluso una conversazione per quanto riguarda la nozione di “yoga per il corpo” e la sua diffusione in gran parte della popolare di yoga fotografia o le pubblicità e le immagini che popolano molte delle principali riviste di yoga. Ma ho apprezzato l’onestà e il coraggio di essere vulnerabile. (Apprezzo anche il suo servizio fotografico con Daniel Stark che ha prodotto le immagini che sono molto meno alterate digitalmente e lucido di più).”

Ci vuole coraggio a parlare la tua verità. E la tua voce e la tua verità porta il peso e viaggia lontano. Hai legioni di fan adoranti. Mi congratulo con voi per la vostra disponibilità a mettersi là fuori, e io odio che avete sperimentato l’umiliazione del corpo. Perché, sì, assolutamente, immagine negativa del corpo e il corpo insicurezze non sono dotati di un tag di dimensioni. All’inizio della mia carriera, sono stato stupito dal numero di donne che avrebbero partecipato le mie Donne Benessere del Workshop che si sono incredibilmente belli da norme convenzionali ancora avuto una bassa autostima e si sentiva a disagio e insicuri sui loro corpi. E che, per questo il mio Yoga e dell’Immagine Corporea co-editor, Anna Guest – Jelley, e non ho scritto il libro noi stessi. Abbiamo voluto fornire ai lettori una vasta gamma di storie di persone, di ogni dimensione, età, razza, identità di genere e orientamento sessuale, di classe e di disabilità.

È anche per questo che lo Yoga per il Corpo e l’Immagine della Coalizione “Questo è ciò che uno yogi sembra” campagna dispone di decine di yogi di tutte le dimensioni (taglie da zero e quattro dimensioni, dieci, quattordici e venti-due ecc), così come tutte le altre aree della diversità.

Si può leggere di più sul nostro lavoro in gennaio a questioni di Yoga Journal e MANTRA Yoga + Salute etc. o la nostra pagina stampa. C’è anche una nuova puntata della campagna con una nuova foto e articolo nell’ultimo numero di MANTRA Yoga + di Salute in cui vi capita di apparire in copertina. Check it out. Siamo orgogliosi di fare questo lavoro.

LA Yoga Magazine Fall 2014

Mantra January 2015

YJ Jan 2015 1

YJ Jan 2015 2

YBIGroup-saritzrogers

Nessuno è immune da immagine negativa del corpo o il corpo umiliazione. Tutti sono i benvenuti in questa comunità, perché tutte le nostre storie materia.
Come l’Ambra Karnes, Corpo Positivo di Yoga, ha dichiarato, “io onestamente non ho un problema con Kathryn Budig uso del corpo positivo di messaggistica. Lei ovviamente possibile raggiungere le persone che guardano come lei, che sono ancora insicuri sui loro corpi. Signore sa che il corpo di insicurezza non è solo per le persone di dimensione.”

Tiina Veer, Yoga per i Corpi circolari, ha detto, “io non oggetto di Kathryn Budig lavoro nel corpo di positività — chiunque può essere un corpo di positività per il corpo e l’accettazione avvocato e modello di ruolo. Io rispetto la sua esperienza di immagine negativa del corpo e vivendo corpo umiliazione/polizia — comune esperienza, condivisa dalle donne di tutte le strisce — e io rispetto la sua vulnerabilità per condividere la sua storia.”

Ma (sì, c’è un ma…), non c’è più da esaminare. Ed è qui che la gente, me compreso, si sono spesso sentite delusi dalle vostre dichiarazioni. Spesso, le vostre azioni si sentono incomplete, sono potenti storie manca una analisi più approfondita. Perché, mentre si può sentire come un “mostro” come una dimensione di 4, avete sottile privilegio in un paese dove la donna media è di una taglia 14. E mentre il popolo che rastrellato sopra i carboni circa il vostro “ruota di scorta” (cosa pneumatici di ricambio stavano parlando?), lo yoga complesso industriale ha trattato bene e sei diventato un yoga icona e una lezione di yoga celebrità. Voglio dire, è beneficiato di montaggio “yoga per il corpo” stereotipo presto nella tua carriera e ha servito bene. Ti hanno graziato innumerevoli copertine di riviste, sono stati presentati in numerose campagne pubblicitarie e hanno sponsor e testimonial. E hai anche offerte con grandi aziende di fitness. In breve, il bianco, abili, giovani e corpo sottile è stato un bene commerciabile per gli inserzionisti e aziende. Così, come avvitato come le vostre esperienze sono state (e sono d’accordo, sono stati avvitati), sono stati anche premiati dalla cultura dominante e profitto profumatamente. Ed è quello che punge a volte – si chiama il corpo shamers ma non si prendono la responsabilità per il ruolo che l’industria o il proprio privilegio.

Come Tiina Veer uniti, “Kathryn risposto in difesa e, esprimendo sentimenti feriti, che le sue esperienze di corpo insoddisfazione sono validi e solo perché lei è bianca e una dimensione di 4 non significa che lei non lotta con l’immagine del proprio corpo, e lei ha tanto diritto di sposare il corpo di positività, come la persona accanto, indipendentemente dalle dimensioni, razza, etc. Non è perché Kathryn non è né più grande di corpo, né una persona di colore che lei non mi ispira né posso accettare il suo come un corpo-icona positiva (credo che il corpo di positività appartiene a tutti), è a causa della sua partecipazione attiva nel perpetuare lo yoga per il corpo mito dalla mercificazione del suo corpo… e la partecipazione attiva nella perpetuazione di yoga per la perdita di peso.” (Copia per Il Grande Libro della Yoga su Amazon afferma che “a Differenza di fitness mode, lo yoga è la pena di hype. Le posture allungare e tonificare la massa muscolare e scolpire un forte e fisico esile-bruciare fino a 400 calorie in 90 minuti di sessione.”)

Ambra Karnes continua, “Kathryn Budig potrebbe avere il suo corpo insicurezze, ma anche lei ha una quantità immensa di corpo privilegio (per la laurea che per le aziende che vendono prodotti di yoga pagare il suo essere e il loro modello). Ecco perché la Salute delle Donne e altri media avvicinarsi a lei, prima che avessi mai chiedere ad una persona di colore, di una persona in un corpo grasso, o transgender, queer, o un diversamente abili yogi a carillon su problemi di immagine corporea. Kathryn necessità di riconoscere e apprezzare il suo privilegio, in queste situazioni, e non vedo che succede.”

Ed è difficile riconoscere privilegi, quelli non acquisiti vantaggi alcuni di noi hanno per il montaggio in dominante categoria quando si tratta di gara e/o l’orientamento sessuale e/o di età e/o sesso e di genere e/o di classe, etc. Ci si sente a disagio, crudo, vulnerabile e, possibilmente, spaventoso. E, spesso, è difficile anche riconoscere il nostro privilegio, perché è dato per scontato. Peggy McIntosh pezzo, “Bianco Privilegio: decomprimere l’Invisibile Zaino” è un classico di leggere una risorsa impressionante pensare a queste cose. Vorrei anche incoraggiarvi a guardare questo video con lei su come studiare privilegio può rafforzare la compassione.

Nel rispondere ad una chiamata sul privilegio, Beth Berila afferma che c’è una “tendenza a trasformarsi in vittima e chiamare l’altra persona un “bullo.” Che deriva dal privilegio e vulnerabilità. Ci sono molti di più pratiche utili–che lo yoga offre–per come sedersi con il dolore di essere chiamato sul privilegio.”

In Dianne Bondy risposta al tuo post, afferma,”Quando alcune persone viene chiesto di esaminare il loro privilegio nello stesso modo in cui le persone di colore sono costretti a fare su una base quotidiana – che diventano immediatamente la vittima. Molto rapidamente diventa emotivamente guidato esperienza in cui il privilegio di sentire male, e quindi tendono a cadere in un modello di colpa e accuse di ‘discriminazione alla rovescia’ e auto-compiacente comportamenti contrari a fare un passo indietro e un passo fino a un vero dialogo”.

Non c’è bisogno di chiedere scusa per i tuoi geni o dove i vostri antenati provengono da.

Come Beth Berila continua, “Riconoscendo il dolore di privilegio NON dire di essere una vittima. Significa che il dolore di vedere che stiamo facendo del male agli altri e hanno detto di non vedere. Ciò significa che i sistemi di oppressione disumanizzare TUTTI, in modi diversi, e a gradi diversi, ma TUTTI noi abbiamo una partecipazione in smantellamento, compresi quelli con privilegio.”

Si tratta di un processo. È un lavoro duro e l’ho e lo Yoga per il Corpo e l’Immagine della Coalizione si sono impegnati per la creazione di spazi sicuri per imparare nuove competenze per affrontare questi problemi, il lavoro che abbiamo fatto nelle nostre singole classi (accademico, yoga o altro), in seminari e dibattiti, tra cui il via il Tappeto Pratica di Leadership Serie a Yoga Journal LIVE! dove abbiamo discusso di questi problemi con l’intenzione di avere il disco conversazioni e aumentare la consapevolezza, quindi, che permette a tutti di dire la loro verità, essere convalidato e creare un cambiamento positivo singolarmente e in modo sistematico. E questo è ciò che lo yoga è tutto, giusto?

So che questo è lungo e spero di non aver perso o altri lettori perché ho un elenco di risorse fantastico per voi (e altri) per leggere, che lo Yoga per il Corpo e l’Immagine della Coalizione leadership team e ho messo insieme.

4 A Disagio Pensieri Che Si Possono Avere Quando Si Ha Di Fronte Il Vostro Privilegio Passato In Movimento Il Privilegio Di Colpa Parliamo di Sottile Privilegio Confessioni di una Sottile Privilegiato Grasso Attivista Riflessioni sul Sottile Privilegio La salute in Tutte le Dimensioni: La Sorprendente Verità circa il Vostro Peso da Linda Pancetta Corpo Rispetto da Linda Pancetta e Lucia Aphramor Come essere un Alleato Migliore Allied Force: Una Guida a Mostrare Senza Ottenere nel Modo

Aspettiamo con impazienza di crescere in questo lavoro con voi e con tutti coloro che sono coinvolti in questa conversazione.

Nella solidarietà,
Melanie Klein